LOAS MASÓNICAS A BERGOGLIO

godPublicamos esto aparecido en la página web del GRAN ORIENTE DEMOCRÁTICO DE ITALIA acerca de Bergoglio…

Ponemos una primera traducción de algunos puntos, esperando la traducción completa (gracias a María Dolores por el aviso y la ayuda):

En el ambito del Gran Oriente Democrático, podemos decir resumidamente que en este momento hay tres posiciones en relación con el nuevo obispo de Roma y pontífice Francisco.
La primera posición es aquella de quienes creen que será un Papa innovador y progresista.
Para apoyar este argumento son algunos Hermanos cercanos al GOD (Gran Oriente Democrático) que aseguramos de haber contribuido en alguna manera, indirectamente, incluso desde dentro del cónclave a través de ‘amigos hermanos’, para elegir a un hombre que será capaz de regenerar la iglesia católica y de beneficiar a la sociedad humana planetaria en su totalidad.
Señalan que se había patrocinado el cardenal Bergoglio en el Cónclave de 2005, nada menos que el cardenal Carlo Maria Martini (sobre el cual, ver ahora que las celebraciones y condolencias altisonantes han dado paso al silencio y metabolización de luto, Gran Oriente Democrático saluda con afecto el Hermano Carlo Maria Martini, que pasó al Oriente Eterno, haz clic aquí para leer).
El silogismo es el siguiente: Si el ciertamente progresista Martini ha apoyado a Bergoglio, esto significa que Bergoglio será un reformador e innovador en varias cuestiones importantes, como habría sido si Martini hubiera obtenido la tiara (en sentido simbólico: no se utiliza este tocado de tres-coronas ya desde 1963).
La segunda posición es más o menos la nuestra, que de algunos Hermanos que están actualmente escribiendo de todos modos están aprobando directamente este artículo.
Creemos que Jorge Mario Bergoglio tiene mucho que corregir de si mismo, antes de poder acceder de manera creíble a un programa regenerador de la Santa Iglesia Romana.

[Fabián, vea lo que los masones consideran que hay que corregir en Bergoglio – sus palabras en contra del sodomonío ‘como uma práctica intrinsecamente inmoral, uma jugada del diablo, etc.’ Vea cuanta infamia dicen estos infelices masones!]

Y no sólo nos referimos a lo que se muestra en “El nuevo Papa Bergoglio: dictadura Argentina y las sombras del pasado”, 13 de marzo de 2012 artículo por Angela Nocioni para IL FATTO QUOTIDIANO sino también a las palabras tontas e infames utilizadas por el cardenal Bergoglio en ocasión de la aprobación, de parte del Parlamento argentino, de la legislación que introduce la posibilidad de matrimonio para los homosexuales.
¿Puede un individuo que se expresa con este estilo y este contenido ser el abanderado de una renovación del catolicismo?
¿Puede ser considerado un progresista, que aún se niega a reconocer los derechos universales de las personas, independientemente de su sexo y orientación sexual?
¿Como es creíble que el Espíritu Santo sopla con fuerza sobre la cabeza de los que, como mínimo (tiene responsabilidad) en el momento de la dictadura argentina de Videla, Massera e compañía, no gritó en voz alta y clara su disidencia?
Todas las preguntas a las que no queremos dar soluciones definitivas, pero que salimos muy perplejos y pesimistas sobre el futuro del nuevo pontificado.
Es posible que lo que realmente quieren sea una retórica neo-franciscana rematada por moralismo paternal contra el dinero, el poder y la corrupción generalizada en el mundo que habría contaminado la iglesia, añadir tal vez alguna medida sorprendente y eficaz que puede gustar a los fieles más imbeciles y simplones.
Cualquier medida o alguna escena pseudo edificante que, como la obra plurisecular y ejemplar de algunos exponentes (no todos) de la orden franciscana establecida en 1209, pueda apuntar eficazmente a la arrogancia de la más alta jerarquía eclesiástica en la búsqueda de hegemonía e influencia a nivel temporal.
En verdad, realmente se siente que la iglesia católica tendría que renovar y mejorar aún más em sentido progresista el patrimonio espiritual y filosófico del Concilio Vaticano II.
Eso significaría implementar una iglesia comunidad marcada por el amor incondicional hacia todos; de los servicios y la promoción de la diversidad; por generosidad desinteresada; por la elección del matrimonio y una vida sexual libre para los sacerdotes; de una herencia doctrinal menos sexualfóbica y misógina (genera monstruos, infelicidad e hipocresía emocional); de igualdad de las mujeres a los hombres en el sacerdocio, obispos y aún del papado; reconsideración de las diversas posiciones adoptadas en relación con problemas como la inseminación artificial, eutanasia, libertad de investigación científica, negó varios derechos civiles, tolerancia de heterodoxia y herejía, etc..; de una reunión de reorganización, una sociedad democrática y pluralista del cuerpo entero místico de Cristo, abandonando para siempre la ideología del “Papa rey absoluto”.

ORIGINAL EN ITALIANO:

Grande Oriente Democratico saluta il nuovo Papa Francesco e gli chiede di emendare se stesso, prima di Santa Romana Chiesa. Così facendo, forse potrà essere artefice della rigenerazione della Cattolicità. In caso contrario, si annuncia un Pontefice Gattopardo: venuto a cambiare tutto per non cambiare niente

Grande Oriente Democratico saluta affettuosamente Jorge Mario Bergoglio e si congratula con lui anche per la felice scelta del nome papale, Francesco: un omaggio (il primo che giunga in modo così esplicito da parte del sommo vertice ecclesiastico, dopo tanti secoli) al Santo di Assisi, da sempre emblema di sobrietà, dolcezza, semplicità, disprezzo delle pompe mondane prive di sostanza evangelica, amore appassionato per la natura e le sue creature, spiritualità intensa e autentica.
Per di più, Bergoglio è il primo papa gesuita della storia.
Com’è noto, altra è la storia dei gesuiti prima che divenisse Preposito Generale Pedro Arrupe (1907-1991, P.G. dal 1965 al 1983), altra ancora sotto la guida di questo straordinario “Papa Nero” (così viene informalmente denominato il Superiore Generale della Compagnia di Gesù) progressista; ancora diversa dall’abbandono di Arrupe e fino al 2008 (Preposito Generale dal 1983 al 2008: Peter Hans Kolvenbach, un moderato conservatore); di nuovo su una linea potenzialmente progressista con il Generalato attuale di Adolfo Nicolás Pachón.

Insomma, se lungo i secoli che vanno dal XVI alla prima metà del XX, i Gesuiti hanno sempre rappresentato un’avanguardia culturale e diplomatica raffinatissima nel ri-elaborare le conquiste della modernità in chiave dottrinale e pastorale anti-moderna e tradizionalista, costituendosi di fatto come la quinta colonna reazionaria della Chiesa Cattolica, a partire dalla guida di Pedro Arrupe (figlio ed interprete autentico del Concilio Vaticano II) la musica è cambiata.

Teologia della Liberazione a parte (su di essa dovremo fare un giorno un po’ di chiarezza), i Gesuiti si sono trasformati nell’Ordine religioso meglio attrezzato, culturalmente e spiritualmente, per dialogare con la società aperta contemporanea: cioè con una società laica, liberale, pluralista, tollerante e democratica, almeno in Occidente e dintorni.
Dunque, se si aggiunge all’ascendenza simbolica con la tradizione francescana (la scelta di chiamarsi Francesco, il primo Papa con questo nome) anche l’ascendenza effettiva con la Compagnia di Gesù tardo-novecentesca, il pontificato di Jorge Mario Bergoglio parrebbe partire sotto i giusti auspici.
Tuttavia, non mancano le ombre.
Nell’ambiente di Grande Oriente Democratico possiamo dire sommariamente che esistono al momento tre posizioni rispetto al nuovo vescovo di Roma e pontefice Francesco.
La prima posizione è quella di chi ritiene che sarà un Papa innovativo e progressista.
A sostenere tale tesi sono alcuni Fratelli vicini a GOD che assicurano di aver contribuito in qualche modo, indirettamente, anche dall’interno del conclave tramite amici fraterni, a far eleggere un uomo che sarà in grado di rigenerare la Chiesa Cattolica e di giovare alla società umana planetaria nel suo complesso.
Costoro sottolineano che il Cardinale Bergoglio era stato sponsorizzato, nel conclave del 2005, nientedimeno che dal Cardinale Carlo Maria Martini (sul quale, vedi Adesso che le celebrazioni retoriche e le condoglianze altisonanti hanno lasciato spazio al silenzio e alla metabolizzazione del lutto, Grande Oriente Democratico saluta con affetto il Fratello Carlo Maria Martini, passato all’Oriente Eterno, clicca per leggere).
Il sillogismo è il seguente: se il certamente progressista Martini appoggiava Bergoglio, ciò vuol dire che anche Bergoglio sarà riformatore e innovatore su diverse questioni rilevanti, come lo sarebbe stato Martini se mai avesse ottenuto la tiara (in senso simbolico: questo copricapo tri-regale non si usa più dal 1963).
La seconda posizione è più o meno la nostra, quella di alcuni Fratelli che stanno contingentemente scrivendo e/o comunque approvando direttamente questo articolo.
Noi riteniamo che Jorge Mario Bergoglio abbia molto da emendare di se stesso, prima di poter accedere in modo credibile a un qualche programma rigenerativo di Santa Romana Ecclesia.
E non ci riferiamo soltanto a quanto è evidenziato in

“Il nuovo papa Bergoglio: la dittatura argentina e le ombre sul passato”, articolo del 13 marzo 2012 by Angela Nocioni per IL FATTO QUOTIDIANO (clicca per leggere),

ma anche alle stolte e infami parole adoperate dallo stesso Cardinale Bergoglio in occasione dell’approvazione, da parte del Parlamento argentino, della normativa che introduce la possibilità di matrimonio per gli omosessuali.
Citiamo le dichiarazioni dell’allora Arcivescovo di Buenos Aires da Wikipedia (che in questo caso rimanda puntualmente alle fonti documentarie di riferimento):

“Bergoglio ha avuto modo di esprimere la sua posizione sull’omosessualità e ribadire l’insegnamento della Chiesa Cattolica in materia di pratiche omosessuali ritenendole intrinsecamente immorali. L’allora cardinale, accanto alla condanna del comportamento, ha anche sottolineato l’importanza di mantenere il rispetto per le persone omosessuali.[33] Nel 2010, in occasione della nuova normativa sostenuta dal governo argentino, volta a dare equivalenza legale tra il matrimonio eterosessuale e quello tra partner omosessuali, l’arcivescovo di Buenos Aires si è opposto fermamente al progetto, definendo la legge “una mossa del diavolo” e affermando che era in gioco l’identità e la sopravvivenza della stessa famiglia, composta da padre, madre e figli.[34][35] In una lettera alle Suore Carmelitane di Buenos Aires Bergoglio scrisse:[36][37][38]
« Il popolo argentino si troverà ad affrontare nelle prossime settimane, una situazione il cui esito può ferire gravemente la famiglia (…) il disegno di legge sul matrimonio per le persone dello stesso sesso. È in gioco l’identità e la sopravvivenza della famiglia: padre, madre e figli. La posta in gioco è la vita di tanti bambini discriminati in anticipo poiché privati della crescita umana che Dio ha voluto essere data da un padre e da una madre. La posta in gioco è un rifiuto esplicito della legge di Dio, incisa nei nostri cuori. »
« Non dobbiamo essere ingenui: non è solo una lotta politica, è l’affermazione distruttiva del piano di Dio. Non è solo un disegno di legge (questo è solo lo strumento), ma una mossa del Padre della Menzogna che cerca di confondere e ingannare i figli di Dio. Oggi il paese necessita dell’assistenza speciale dello Spirito Santo, che metta la luce della verità fra le tenebre dell’errore. (…) Santa Teresa gridi al Signore di mandare il Suo Spirito sui senatori che devono dare il loro voto. (…) Ricordiamo ciò che Dio disse al suo popolo in un momento di grande angoscia: “questa guerra non è vostra, ma di Dio”. 

Ecco qui.
Può un individuo che si esprime con questo stile e con questi contenuti essere l’alfiere di un rinnovamento della Cattolicità?
Può essere ritenuto un progressista, chi ancora si rifiuta di riconoscere i diritti civili universali degli individui, a prescindere dal sesso e dall’orientamento sessuale?
Quanto è credibile che lo Spirito Santo soffi vigorosamente sul capo di chi, come minimo (perché al massimo, secondo le inchieste dell’autorevole giornalista Horacio Verbitsky, avrebbe responsabilità più infamanti) al tempo della dittatura argentina di Videla, Massera & Company, non ha urlato forte e chiaro il suo dissenso?
Tutte domande cui non vogliamo dare risposte definitive, ma che ci lasciano molto perplessi e pessimisti sul futuro del nuovo pontificato.
E’ infatti possibile che quello che realmente si vuole sia solo un po’ di retorica neo-francescana, condita di reiterate paternali moralisteggianti contro il denaro, il potere e la corruzione generalizzata del Mondo che avrebbe inquinato anche la Chiesa, cui aggiungere magari qualche provvedimento eclatante e d’effetto che possa compiacere i fedeli più asini e sempliciotti.
Qualche provvedimento e qualche colpo di scena pseudo-edificante che, come anche l’opera pluri-secolare ed esemplare di alcuni esponenti (neanche tutti) dell’Ordine francescano istituito nel 1209, possa puntellare efficacemente l’ancora più antica protervia delle gerarchie ecclesiastiche nel perseguire egemonia e influenza a livello temporale.
In verità, per rigenerarsi davvero la Chiesa Cattolica avrebbe bisogno di rinnovare e aggiornare in senso ancora più progressista il patrimonio spirituale e filosofico del Concilio Vaticano II.
Che significherebbe implementare una Comunità ecclesiale contraddistinta dall’amore incondizionato verso tutti; dall’accoglienza e promozione/tutela della diversità; dalla generosità disinteressata; dalla facoltà di matrimonio e/o di una libera vita sessuale per i sacerdoti; da un patrimonio dottrinale meno sessuofobico e misogino (che genera mostri, infelicità affettiva e ipocrisie); dall’equiparazione delle donne agli uomini nell’accesso al sacerdozio, all’episcopato e persino al papato; dalla riconsiderazione complessiva delle varie posizioni assunte in relazione a problemi come la fecondazione assistita,  l’eutanasia, la libertà di ricerca scientifica, vari diritti civili negati, la tolleranza dell’eresia e dell’eterodossia, etc.; da una ri-organizzazione assembleare, pluralistica e democratica dell’intero Corpo Mistico di Cristo, abbandonando per sempre l’ideologia del “Papa Re Assoluto”.
Un progetto del genere è nelle corde e nelle intenzioni di Papa Francesco?
Pare lecito dubitarne.
La terza posizione, fra di Noi, è soprattutto quella del Fratello Gioele Magaldi, il quale sostiene, molto pragmaticamente: “Poco importa, se non in sede storiografica, discettare lungamente su ciò che il gesuita Jorge Mario Bergoglio è sin qui stato o non è stato, ha sin qui fatto o non ha fatto. Io mi riservo di valutarlo su ciò che farà o non farà nel presente e nel futuro. Se sarà stato un bluff, non mancherò di denunciarlo; se invece si rivelerà un rivoluzionario/riformatore in positivo delle teorie e delle prassi che attualmente indirizzano (male) la Cattolicità, non mancherò di lodarlo e apprezzarlo”.

Per il momento, sospendiamo la nostra analisi con le parole salomoniche del Venerabilissimo Maestro Magaldi.
E ad integrazione di quanto scritto, rinviamo i nostri lettori a meditare anche i seguenti, interessanti contributi:

“Forza Papa Francesco”, articolo del 14 marzo 2013 by Francesco Maria Toscano per IL MORALISTA (clicca per leggere)

“Dalla Fine del Mondo”, articolo del 14 marzo 2013 by Emanuele Bellato per IL MORALISTA (clicca per leggere),

pur non condividendo necessariamente tutte le considerazioni ivi contenute.

I FRATELLI DI GRANDE ORIENTE DEMOCRATICO (www.grandeoriente-democratico.com)

[ Articolo del 9-16 marzo 2013 ]Per comunicazioni, scrivete a: info@grandeoriente-democratico.com